Search

Mi presento: sono Camilla

Updated: Aug 2

Ciao a tutte,


mi chiamo Camilla ed oggi voglio condividere con voi il riassunto di 25 anni di vita e cosa rappresenta essere per me Rete Rosa.


Sono nata e cresciuta a Verona, città di Romeo e Giulietta, da me tanto amata e odiata allo stesso tempo. Amata dalla sua bellezza imparagonabile. Odiata perché tanto piccola da sentirmi spesso rinchiusa in una scatola.


Ho studiato Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Verona. Verso la fine della triennale, sentivo il bisogno di cambiare qualcosa nella mia vita.



Gli Stati Uniti sono sempre stati un pochino il mio sogno. Forse per il cosiddetto e famoso “sogno americano”, ma sopratutto perché sarei stata come minimo 6,585km lontana da casa.


Non mi fraintendete, non ambivo a questo tipo di distanza per stare alla larga dalla mia famiglia (adoro mamma e papà), ma volevo spingermi a pieno fuori dalla mia comfort zone.


Non volevo essere a poche ore di distanza da casa, altrimenti la tentazione di tornare nel mio nido ogni volta che potevo sarebbe stata troppo alta.

Quindi, 6,585km di distanza e 6 ore minime di fuso orario mi sembravano un buon compromesso.


Con tutto il mio cuore sognavo di trasferirmi e concludere i miei studi negli Stati Uniti, ma ero terrorizzata. Mai nessun membro della mia famiglia o dei miei amici aveva intrapreso tale percorso. Non sapevo bene la lingua e non avevo nessun appoggio. Ma sapevo che potevo farcela. Quindi, a inizio 2018 ed ormai al termine dei miei studi, decisi di attivarmi e trovare delle soluzioni per realizzare questo desiderio.


Dopo due/tre giorni di ricerca, trovai il piano perfetto. Preparai una presentazione Power Point e lo presentai ai miei finanziatori (mamma e papa). Penso li colpii particolarmente il mio lavoro. Il giorno successivo, lo approvarono e mi diedero carta bianca senza troppe domande ed esitazioni.


Due giorni dopo la laurea, aprile 2018, mi sono trasferita a New York, dove ho vissuto per 5 mesi in un college, in una stanza con due letti a castello e altre tre ragazze. Obiettivo era quello di raggiungere un livello di lingua C1 (livello minimo richiesto dalle università) ed inviare applications. Ogni giorno studiavo grammatica, imparavo vocaboli, ascoltavo podcasts, guardavo film e cercavo di spendere maggior parte del mio tempo libero con amici internazionali, con obiettivo di migliorare le mie "speaking skills".



Cinque mesi dopo, ho ottenuto il C1 al test finale e questo mi ha permesso di essere ammessa presso HULT International Business School. Questo nuovo inizio mi ha portato a Boston. Con grande difficoltà ad adattarmi al sistema didattico americano (molto diverso da quello da me intrapreso in Italia), sono riuscita a rientrare nella Dean’s list e in agosto 2019 ottenere il mio primo Master in International Business


A settembre 2019 mi sono trasferita a San Francisco per iniziare il secondo Master in Disruptive Innovation. Durante questi 6 mesi ho lavorato come Digital Marketing Intern presso una startup operante nel settore alimentare e sono venuta in contatto con Elisabetta, professoressa presso la HULT. Dopo una breve introduzione del progetto ci siamo trovare per un caffè dove con tanta passione mi ha spiegato con dettaglio obiettivo e contenuto del progetto.



Io ne sono rimasta subito entusiasta e non volevo altro che aiutare Elisabetta nella realizzazione di questo progetto. L’idea di creare un network di donne, come te, che sono riuscite a realizzarsi professionalmente e personalmente tramite l’inseguimento dei loro sogni e delle loro passioni è per me di grande motivazione.

Venire in contatto con donne che non hanno mai mollato, che hanno affrontato con coraggio le differenze culturali, ambientali ed etniche. Donne che hanno lasciato casa, famiglia ed amici per realizzare i loro sogni.

Sono sicura questo network darà la possibilità di condividere storie di successo, essere luogo di supporto reciproco, vederci come punto di riferimento e non come ostacolo. Il tutto senza distinzione di categoria professionale di appartenenza.


Io voglio fare parte di questo progetto perché orgogliosa di essere Donna ed essere Italiana; non voglio avere solo una, ma voglio avere 10, 100, 1000 donne a cui posso guardare con ammirazione ed inspirazione e non farmi mai dimenticare che anche io, con tanto lavoro e passione, ce la posso fare.


Tutto questo per me è RETE ROSA.

122 views

CONTACT US :

reterosanetwork@gmail.com

©2020 by RETE ROSA